!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'Ŕ Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La SolennitÓ
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
PietÓ con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
GeneralitÓ
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La CiviltÓ
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

LA SCHEURA (la scuola)

L'andÓ a scoeura sembrava spess un'attivitÓ che tegneva impegnÓ i fieou inutilment, sia perchŔ la dava n˛ risultÓ tangibil, sia parchŔ i s˛ insegnament servivan poch ai necessitÓ dalla vita. Spess i fieou eran abbandunÓ a se stess, sia par fÓ i cumpit, sia par studiÓ in ambient poch adatt. Dĺinverna fasevan i cumpit in stalla unic lucal ndue sa pudeva difendas dal fredd, in mess al traficÓ e al ciciarÓ di grand.

L'esperienza pusse interessant dalla vita sculastica l'era quela d'incuntrass insema ai propri coetanei.

I familiar curavan pocc i rapport coi maestar parchŔ ghĺavevan pocc temp e parchŔ i capivan n˛. Quand per˛ un fieou al riessiva in di studi e al vureva pruseguý a studiÓ, al parlava cul pret e solitament andava in seminari, allura i genitur cambiavan attegiament; a cal fieou lý ghĺha riservavan un trattament special. Infatti la prospettiva d'avegh un fieou pret l'era cunsiderÓ una benedissiun dal Signur; inp¨ la famiglia che ghĺaveva un pret la godeva d'un prestigio particular.

Quei che riessivan n˛ a diventÓ pret, turnavan a cÓ e solitament andavan a fÓ l'impiegÓ in comun o in un quai post pubblic. La scoeura l'era affidÓ a di maestar che vivevan tutt par l'insegnament, spess restavan zitei par queli e diventavan una istituziun che savevan tutt da tucc, parchŔ arrivavan ad insegnÓ parfina a tre generassiun.

I GIOEUG

I gioeug e la ricreaziun, che ogni tant sa sent ul bisogn e che custituissan par ul fieou l'attivitÓ principal, eran una necessitÓ sentida anca nel passÓ.

Ul mutament dalla vita la cambia tanti abitudin e pratic, tantu Ŕ cambiÓ anca nel gioeug, di voeult par impusiziun esterna, a voeult parchŔ in cessÓ i cundiziun che avevan favurý l'affermass da una pratica ricreativa.

Innanzitutt Ŕ cambiÓ l'ambient. Ul spassi e la libertÓ ca eran i premess ndue sa fundavan tanti gioeug, in vegn¨ a mancÓ; la vita la se urganizÓ diversament, ai fieou ghĺŔ stÓ tirÓ via la pussibilitÓ d'entrÓ in sfer altrui, e ghĺŔ se riservÓ e predispost ambient particular, ben delimitÓ e definý.

In genere ogni cÓ, ogni famiglia, la sa seras¨ dentar ul so mund; ul cugn¨ssÓs l'Ŕ diventÓ menu facil; ul trußss uný menu frequent; e par i fieou s'in fÓ pussŔ rari i uccasiun d'incuntrÓss e da intrecciÓ coi so coetanei tanti gieug tradiziunai.

Da una part sa cerca l'evasiun dall'ambient abitual da vita, scappandu via de cÓ appena pussibil rendendu pussŔ difficil ul contatt coi visýn de cÓ; dall'altra sa cerca da suttrass al cuntatt cunt i altar standu in cÓ a vidŔ la televisiun, o a giugÓ coi tanti gioeug neuv preparÓ su misura dalla civil dei cunsumi.  L'assist a un spettacul televisiv l'Ŕ passiv, cume l'Ŕ passiv un giucattul giÓ predisposto un gioeug coi regul anunimament fissÓ.  Par furtuna tanti gioeug tradiziunai resistan ancam˛; e sĺavvertiss sempar pussŔ la vuluntÓ da ripruponi, parchŔ ul voeui da lur lassÓ, minga cumpensÓ dall'attual furmi da divertiment, la fÓ capý i so valur p˙sitiv.

Fatta questa premessa, vem a numinÓ i gioeug inscý cumŔ me passan par la ment descrivendo un p˛ a grandi linee i so regui.

I gioeug pupular che sa fasevan in di vari uccasiun.

LA CUCCAGNA

La cuccagna l'Ŕ un pÓl da legn alt una desena da metar ben levigÓ e ben ungi¨ da grass, cunt in cima di premi da cunquistÓ, de solit eran un salam, un fiasc da vin, una gaina o un cunili, e una scatula surpresa. I partecipant alla gara indussavan vestý vecc cont i sacocc pien da scendra o segadura par neutralitÓ ul grass. Spess la gara la sa faseva tra grupp da giuin, che sĺaiutavan a vicenda vun sui spall dall'alter fino a tucÓ i premi in cima al pal in modo da apprupriai.

I PIGNATT

Ul gieoug di pignatt al cunsist in dal legÓ a un pal urizuntal a un'altezza da du metar di pignatt da terracotta. Ogni pignatta la gÓ dentar la sua surpresa caramei, biscott, acqua, scendra, segadura, di voeult un quai ratýn. Sa benda un fieou, e dopu aveg fafÓ un guai gir su se stess par disuriental, ghĺÓ sa dava in man un bastun e dall'incitament dalla gent che assisteva al sa urientava vers i pignÓtt che al dueva rump par impussesÓss dal cunten¨ bŔl o brutt cal sia.

LA CURSA COI SACCH

L'Ŕ un gioeug che sa fÓ su un percurs da cent metar. Ul concurent Cunt i gamb infilÓ in un sacch dueva cercÓ d'arivÓ prim al traguard par vinc ul premi.

Pressap˛c simil alla cursa coi sacch ghĺera la cursa cunt la candela, la cursa col cugiÓ cunt dent una biglia, la cursa cunt la careta dal pan cunt su i bocc. La cursa cui cerc, la cursa in moto cunt ustacul, la cursa cunt asnitt, la campestre in bicicletta. Sa giugama a tumbula, a dama, ai cart, cunt ul calimun ca l'era una specie da trottula che i pussŔ abil fasevan girÓ cunt la frusta.

LA LIPPA

La lippa la consisteva in un bast¨n lung settanta centimetri e un alter da vint cm.cunt glĺestremi appuntý. Sa tracciava un circul in terra, se metteva la lippa sulla riga, se batteva cul bast¨n su la punta e la lippa saltava; intant che l'era per aria bisognava dag una bastunada al volo e lancialla pusse luntan pussibil. Se l'alter giugadur al riessiva no a ciapala cui man al volo, sa cuntavan i pass fino arrivÓ ndue le andÓ gi˛.

Se invece l'avversari la ciapÓva al volo, al dueva tirala in dal circul e quel che l'aveva tirÓ la dueva parÓ col bast¨n. Sĺel riessiva a tirala anm˛ luntan al faseva alter punt. Se la lippa la sa faseva andÓ dentar al circui o sa riessiva no a falla partý, se scambiava i giugadur.

LA CARRIOLA

L'Ŕ un gioeug semplice che sa pratica in d¨. Vun cammina sui man, l'alter al ghĺa tegn i gamb cume al farýa cunt i stang d'una carriola.

LA CAVALIRLNA

I partecipant sa mettan in fila distant d¨ o tri metar vun dall'alter, piegÓ in d¨ e peu vun dopu l'alter saltan l'ustacul.

GUERRA E INDIAN

Par giugÓ alla guerra bastava un quai bast¨n che faseva da fusil o un legn a furma da pistola. I fieou, che sa dividÚvan in d˛ squadar uppost, supplivan a tutt ul rest cunt tanta fantasia.  Sa giugava imitandu cunt la bucca i rumur di fusilad, e impruvvisando ul gioeug e i so regul. Capitava spess che la guerra immaginaria la sa trasformava in una vera e propria lotta, cunt pestagg e bernocul.

SCARLIGA

Sa scarligava d'inverno, quand al fiucava, per praticÓ cal gioeug chi l'era necessari la scarligura, una specie da pista da giÓsc un p˛ in pendenza lunga des metar e larga vun.

Solitament la sa faseva in curt impiegandu la nev e par fala giasciÓ, alla sera sa versava sura l'acqua. Ul dý dopu la scarligura l'era prunta, sa metteva i suquaruni ai pŔe e gi¨ a tumburlun. Sa giugava anca: bandera, stecca, maro, nascundass, rinoceronte, a sberla, spÓna coi munedin o figurin, salt dalla corda, ai bei statuin, ladar e carabinier, ai quatar cantun, a butega, palla avvelenata,

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
LaurÓ
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dý
Medisin, Credens Medich e vestý
I mestŔ
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'Ŕ la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
QualitÓ Aria Settembre
QualitÓ Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali