!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'Ŕ Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La SolennitÓ
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
PietÓ con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
GeneralitÓ
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La CiviltÓ
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

Ul succedas di stagiun l'era ul respir che scandiva a mument ul pruced dalla vita dalla terra e dal laurÓ dall'omm.

Ul passagg da un ann all'altar al vegniva mai da un mument all alter, dumÓ parche ul lunari al faseva savŔ che la serie di dý de l'ann l'era finida e un'altra incuminciava: ogni ann muriva innavertitament, e ul sucessiv al naseva e l'andava via via crescend nei mes dall'autunn e dall'inverna.

Despota da tutt ul curs dell'ann l'era ul temp che, se al porta cunt puntualitÓ la primavera e l'autunn e, cunt quei, ul cald pien da l˙s e da lung ˙r da laurÓ e ul grand fredd di lung nott e dai giurnÓ incert, lĺera, e ancam˛ al cuntinua a vess, ul temp caprici˙s, ul temp cunt i lung periodi da secch ca brusa la campagna, cunt i tempest che in poch minut porta via la fadiga d'un ann de laurÓ, cunt la brina foeura stagiun. Lĺera ul temp che concedeva da viv, se non prusperament, almen senza tropp preoccupasiun, da un ann all'alter, o cal suscitava la carestia e la fÓmm.

Ul temp bun al faseva rend ul raccolt, al dunava i bei giurna e in quei sensa rendas cunt, ull pees dal laurÓ al diventava legger e l'andÓ al camp o al busch, lĺera quasi una scampagnada.

Sa cumbatteva durament, par rend men difficil e gravus al variÓ di stagiun, e dal brutt temp, ma peu se accetava senza ribelass la realtÓ.

Ul gross laurÓ di camp e dal busch lĺincuminciava alla fin da genar cui taiÓ la legna. Da alura sa riprendeva ad andÓ regularment al camp, senza sentiss per˛ pressÓ dall'urgenza di laurÓ,e se i dý eran particularment fredd, sa restava a trafficÓ in curt, o in stalla, a fa quel che durant la bona stagiun l'avaria minga pud¨ fÓ. Quand s'avvicinava la primavera s'incominciava a vangÓ l'ort, a sapÓ ul furment, e pusse avanti, ad arÓ par piantÓ patati, maragun e faseou. Magg al purtava ul prim taj dal fŔn e ul gross impegn di cavaler, che richiedeva la partecipasiun de tutta la famiglia. Se arrivava inscý alla segheria, vers la metÓ de giugn, che segnava ul mument pusse impegnativ, infatti sa dueva segÓ alla svelta, par pudŔ ÓraÓ e, sumenÓ ul maragun.

Dopu avŔ bat¨ ul furment, vegniva ul segund taj dal feen ul sapÓ e ragulzÓ ul maragun.

Settembar purtava e porta ul raccolt dal maragun, maragunin, patati e ul ters taj dal feen. Lĺultim gross laurÓ l'era a metÓ uttubar, lĺaradura e la semina dal furment.

Sa continuava andÓ al camp anca a nuembar anca se cunt pusse tranquillitÓ. Arrivava l'inverna e cunt lu ul grand ripoos in attesa dalla prossima fatigusa stagiun.

A pensÓ al laurÓ fadigus che sa faseva un quai decenni fÓ, anca i paisan d'incoeu sann nanca immaginÓ.

Eppur adess a semm che cal laurÓ lÓ, sa l'era un fardell pesant, costringeva anca a tegný i pee in terra, a vess preoccopaa da quel che in dala vita l'Ŕ realment necessari ed essenziale dava un solid equilibrio.

PROVERBI STAGIUNAI

  • S. Antoni frecc da demoni.
  • S. Agnes C¨rr la luserta par la scÚs.
  • La gaina che vÓ par cÓ, se la bŔca no, la giÓ becÓ.
  • Ragn porta guadagn.
  • Ul laurÓ dalla festa al vegn dentar dalla porta e al va feoura dalla finestra.
  • Alla dumenýca sera dentar vin e feoura paroll; al lunedi mattina dent acqua e feou pensÚr.
  • Per S.Martin tutta lĺuga l'Ŕ in vin.

 

 
 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
LaurÓ
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dý
Medisin, Credens Medich e vestý
I mestŔ
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'Ŕ la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
QualitÓ Aria Settembre
QualitÓ Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali