!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'è Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennità
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietà con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalità
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltà
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

La pratica religiosa si svolgeva compatta, totalitaria.  Rari e citati a dito gli emarginati.  Li chiamavano Lenin.

Tutti a dottrina il pomeriggio di domenica: ragazzi e ragazze ai rispettivi oratori.  Gli altri in Chiesa parrocchiale.  Chiuse le osterie.  Qualcuno in giro con bastoni a convogliare i disertori.

Ma in parrocchia i due sessi restavano rigorosamente separati. i Cadregatt (= i sediatii, o distributori di sedie) piazzavano una tenda scura, che correva verticalmente dalla porta centrale all'altare maggiore, alta da terra due metri, sostenuta da robusti piedestalli.  A destra le donne, a sinistra gli uomini.  Il Parroco teneva dottrina; seguivano canti e benedizione eucaristica.  Solo a Chiesa vuota si ritirava il séparé.

Questo non avveniva né durante le Messe mattutine, pur rimanendo separati i sessi, né durante il mese mariano, che vedeva il tutto esaurito per ben 32 sere.  Perché?  Lo ignoro.

La celebrazione di un matrimonio dava spettacolo, forse perché rompeva la monotonia della vita paesana e vi inseriva un motivo di gentilezza.

Dopo la cerimonia religiosa, lo sposo accompagnava a casa della sua mamma la "dolce compagna" cogli invitati.  Ma, arrivato al suo cortile, si trovava dinanzi una vera barricata, formata da carri agricoli, carrette a mano, fascine, carriole ed altro.  La mamma lo attendeva al di là.  Spettava allo sposo dar prova di amore e di destrezza, aprirsi un passaggio rimuovendo gli ostacoli, senza rovinare il vestito nuovo.  Lei fingeva di dare una mano, nell'impazienza di arrivare alla nuova casa; ma lui non permetteva, cavallerescamente.  Gli altri stavano a guardare ed a commentare.  Senonché qualcuno del seguito, fra l'indignato ed il compassionevole, finiva col dare una mano; forse anche spinto dalla fame, perché allora andare a nozze equivaleva a 'fare il pieno".  Si conosceva bene il proverbio: « Eterno come la fame ».

Il 25 marzo, festa della Madonna del bosco, era giornata non lavorativa; si celebrava una piccola sagra.

I ragazzi attendevano questa ricorrenza, anche perché era vacanza da scuola, ma soprattutto per accontentare la gola.  Leccornia arcipreferita la tiraca (zucchero filato).  Oggi ne avremmo ribrezzo, siamo schizzinosi.  Ma allora i ragazzi assistevano alla sua confezione fatta a vista, dinanzi al santuarietto (allora cappellina), se la mangiavano cogli occhi mentre il venditore 'tirava" quel pastone, lo attorcigliava, lo schiumava, lo maturava sino ad un bel colore giallo lucido, lo portava a secco, lo vendeva a pezzi.

Lo vendeva!?  Lo cambiava anche in natura.  Perché bisogna ricordare che allora i soldini scarseggiavano ed i ragazzi dovevano arrangiarsi.  Durante la novena facevano incetta di ferraglia, specialmente a Saronno.  A Saronno ul gícarlin detto anche gamba de legn scaricava immondizie specialmente da Milano.  In barba a proibizioni e leggi igieniche, i ragazzi vi cercavano ferraglia, come cani e gatti vi cercavano nutrimento.  Abbondavano i chiodi: e qui poi... ci cascavano, perché le mamme dovevano rattoppare i pantaloni e capivano... (A proposito di pantaloni per maschi: arrivavano a metà gamba e posteriormente avevano un'apertura a bottoni, chiamata urbiseu o pantela per facilitare la soddisfazione di certi bisogni naturali senza calare tutto).

Ecco perché il 25 marzo era anche, per i ragazzi, la sagra del ferro.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurà
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dì
Medisin, Credens Medich e vestì
I mestè
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'è la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualità Aria Settembre
Qualità Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali