!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'è Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennità
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietà con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalità
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltà
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

Il territorio agricolo di Origgio era come si trova oggi ma molto diverso perché le campagne di Origgio come tutte le altre campagne di altri paesi vicini e della lombardia altri d’Italia erano pieni di alberi Gelsi in dialetto Lombardo si chiamava Muruu che le sue foglie servivano per l’allevamento del baco da seta l’allevamento del baco da seta durava circa 50 giorni tra Maggio e Giugno e bisognava tenerli al caldo e chiusi in locali adibiti per quel solo uso ma noi a quei tempi si adibivano anche a cucina perché non c’era altro posto dove andare per quel lavoro del baco da seta bisognava piantare dei pali dal pavimento al soffitto e poi mettere delle tavole una sopra all’altra alla distanza di 70 cm circa così da poterli stendere e poter dar loro da mangiare il pasto era di 3 al giorno ma per questi pasti bisognavano le foglie di Gelso e così per poterli sfamare bisognava andare nelle campagne a procurare queste foglie un lavoro duro che tenevano impegnati tutti uomini donne e anche i bambini appena erano capaci di tenere in mano un falcetto erano pronti per quel tipo di lavoro che comprendeva appunto togliere le foglie dai rami di Gelso così da poter sfamare il baco da seta.

Come dicevo prima le nostre campagne erano piene di questi alberi tutti in filari per il lungo e largo e distanti tra loro in modo da poter lavorare il terreno e poter fare il raccolto nello stesso tempo pensate che quando i bachi erano in maturazione per il bozzolo da seta erano come i bambini quando hanno fame e quando si entrava in casa che stavano mangiando sembravano un alveare in arrivo tanto era il rumore che facevano. Quei Gelsi però non servivano solo per il baco da seta ma anche per il contadino che era in campagna a lavorare il suo terreno con quel caldo che faceva ogni tanto si fermava all’ombra per una piccola sosta, ma serviva anche per i nidi degli uccelli che a quei tempi coi Gelsi nelle campagne nidi e uccelli erano numerosi e coi loro canti erano un piacere sentirli cantare. Quando ero bambino io e tutti gli altri bambini era un piacere arrampicarsi su quegli alberi per vedere i nidi e i uccelletti piccoli. I Gelsi erano piante non troppo alte 2 mt circa così ci si poteva arrampicare bene senza farsi male, insomma le campagne di quei tempi erano pieni di gente che lavorava i terreni tutto a mano con zappe e vanghe e così il lavoro era molto faticoso e lungo così di gente nei campi ce ne erano sempre tanti e in special modo quando c’era aratura del terreno che veniva fatta con buoi o cavalli o asini tutte bestie molto lenti così di tempo ce ne voleva molto di più, e la raccolta delle foglie di gelso per il baco da seta e la mietitura del grano frumento che veniva fatto tutto a mano con falce apposta per questo lavoro e che in dialetto questa falce si chiamava musura, ma a mietere il frumento dovevano partecipare tutti i famigliari perché era un lavoro molto lungo e faticoso in più era il tempo più caldo Giugno e Luglio ma era una cosa che ti stancava ma nello stesso tempo tutta quella gente sparsa nelle campagne ti dava allegria ed erano tutti contenti anche se molto stanchi e in special modo i bambini erano contenti perchè per la mietitura del frumento si faceva la merenda in campagna cosa che non succedeva negli altri lavori agricoli, poveri stanchi ma allegri.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurà
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dì
Medisin, Credens Medich e vestì
I mestè
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'è la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualità Aria Settembre
Qualità Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali