!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'è Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennità
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietà con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalità
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltà
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

L'è abitudin vervì ul ciclo da l'ann cunt ul capodanno.

La sera dall'ultim dell'ann sa celebrava in gésa ul Te Deum par ringrassià ul Signur da l'ann passà e ul curát al presentava ul bilancio ecunomic e spiritual dalla vita paruchial.

Dopu capitava che grupp de personn sa truassan insema par una cena a base de lenti e zampun e uga; parchè disevan che purtava danè. Pensavan anca che, quand ul prim mort da l'ann l'era un vècc, la terra la saria stà dura da laurà; quand invece l'era un giuin, la saria stà surenghina e tenera.

La sera dal 5 genàr i fieou mettevan feoura dalla porta de cà la cavagna cunt ul fèn par l'asnì dalla befana in modo da ubligala a fermass e lassà tanti regai.

Alla sera de S.Antoni in piazza brusavan la barba cunt ul falò.  Agl’ultim tri dì de genàr in i dì dalla merla e sa cred e spess le vera che portan frèd e nev.

Al du febrar l'è la candelora, ul dì dalla purificasiun dalla Madona, l’era una data impurtant nella vita dal passà.

Alla mattina in gesa benedivan i candel che sa dueva cunservà par accend in casu de cattiv temp, quand parturiva una donna e quand pàrtavan ul viatìch.

Ul dì de S.Bias (3 febrar) prutetur dalla gula, s’andava in gesa a fà benedì ul pan o ul panettun par aluntanà ul mal de gula. S.Valentino (14 febrar) incoeu l'è ricurdà cume festa degli innamorati, una voeulta invece l'era l'inisi di laurà.

A febrar gh’è anca ul carneval e par una settimana i person che de solit sa ritiravan in stalla, eran lieta dalla visita di mascher.  I mascher che par la maggiur part era fieou, che indussavan vestì usa di donn e i tusann vestivan pantalun e ul tabàrr sui spali, andavan in coppia agirà par i curt in di famili che sa cugnusseva par divertì e divertiss.

Gh’era anca di giuin e meno giuin, che addubavan i carr e giravan par ul paes a fa baldoria. Fini la settimana grassa, s’entrava in Quaresima cunt raccugliment, màgar e digiun, fino a pasqua.

PROVERBI SU CARNEVAL E QUARESIMA

  • A carneval ogni schers al vàrr.
  • La nev marzulina la dura dalla sera alla mattina
  • Marz di ur gh’è ne fà d'ogni coulur.
  • A S. Benedett curr la rundina sui tett.
  • Chi sumena cui súcc al raccugliarà bun frutt.

La Pasqua in sè le no una festa che sa distingue tropp di altar; ma l'è un dì giuius parchè segna la fin dalla quaresima e la vegn a curunà in letizia la Settimana Santa, la settimana pussè densa da riti de tutt l'ann.

Ul ciclo di cerimoni cominciava cunt la Messa da giovedì, che commemurava la cena pasqual dal Signur cunt gli apostul.  Dopu la Messa sa purtava in silenzio ul Signur al sepolcru (scureou), che fino a Pasqua s'andava in adurasiun. Ul giovedi e venerdi Sant eran dì tristi e silensius, anca i campan tasevan e venivan sustituì dalla tàpa che la sunava i fieou par i vii dal paes.  Venerdi mattina gh’era la Messa sèca (senza comuniun), alla sera gh’era la prucessiun dalla via Crucis par ul paes metù a festa.  Al sabat Sant benedivan l'acqua dal funt battesimal e tucc andavan a teun un po’ da mett in di acquasantitt da part dal lett.  Alla sera gh’era la Messa della Resurresiun e quand ul curat intunava ul gloria, sa scatenava un scampanelà e un scampanà de campanei che gh’avevan i fieou e campan par annuncià il Cristo Risorto. Pasqua l'è una festa che porta sulliev e pus a tucc.

Cunt la Pasqua in campagna incominciava i gross laurà: prim fra tucc l'aradura di camp.

Arà l'era, e l'è, una uperasiun fundamental nel laurà di camp, e par arà, una voeulta, l’era indispensabil dispon di besti, vacch, asnitt o cavai. Chi possedeva dumà una bestia, al sa metteva in società cunt un altar paisàn in di so cundisiun.

I temp dall'aradura eran, nel curs dall'ann, principalment tri: s’arava a magg par sumenà maragun, patati, faseou e succh, e merga par fà i scuitt; a giugn e lui par ul maragunin e a utubar pa ul furment. Prima d'arà ul paisan al preparava ul camp ingrassà cunt ul letam di besti, ca l'era nò cunsiderà roba spurca, ma un ben indispensabil e presius. Par quest sa prestava cura alla rúera, e sa laurava cul rúcch cunt naturalessa, e sa stava visin in stalla sensa fag casu

Par arà bisognava alsass prest. Sa doueva dà da mangià ai besti e sa mungeva i vacch dopu quand al cominciava a sciarì, s’andava al camp. S’inisiava dal centro dal camp procedendu in senso urari, oppur dai lati dal camp in senso antiurari, segund l'ultima ardura fada. Di du paisan vun al guidava ì besti l'alter la sciloglia. Finì d'arà passavan l'erpas par spianà ben ul terren e a rump i lott. Dopu avè sumenà ul furment o alter, ripassavan ancamò sura cunt la rapega par cuatà mei la sumensa.

Finì da sumenà i laurà pruseguivan in cà cunt i cavaler (bachi da seta). In cusina sa pruvedeva a instalà la rastelera par alevà i  cavaler, da principi i past eran tri al dì e l'omm l'era impiega a fà la foeuia dai moruni (gelsi).

Ul laurà richiest dai cavaler, dalla nascita al mument dal filà, durava quaranta dì circa. Ma pusse che dal temp, la crescita l'era determinà dalla quantità di past e dalla temperatura dall'ambient.  Se tutt procedeva ben, arrivava ul mument in cui i camaler mangiavan pù: sa videva che ul so corp, bianch o rigà a segund la qualità, gh’avevan la trasparensa dorada dalla seda che ghlavevan dentar eran marù e quindi i mettevan a filà.

La raccolta di cavaler l'era un avveniment festus. Bisognava pre parà ul busch cunt di fasin siegà in modo che i cavaler pudessan fà la galeta (il bozzolo).

I galett, prima da vendi, bisognava spelai, sa faseva passà lentament la scia di galett visin a un tundìn de ferr fissà all'estremità sul ripian d’un taul; ul ferr, al fasevan girà e l'attirava a se l'involucro di galett.

Anca par quell'ann ul laurà di cavaler l'era finì; ma già di alter incalzavan.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurà
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dì
Medisin, Credens Medich e vestì
I mestè
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'è la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualità Aria Settembre
Qualità Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali