!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'Ŕ Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La SolennitÓ
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
PietÓ con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
GeneralitÓ
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La CiviltÓ
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

LA SEGHERIA (la mietitura)

Cul temp dalla segheria vigneva ul mument crucial dal laurÓ da l'ann, parchŔ la fadiga dalla segheria giÓ da par se stessa dura e monotona, lĺera resa anm˛ pusse pesanta dala necessitÓ da fa prest. Ul furmÚnt, infatti, al dueva no restÓ espost al pericul da la tempesta pusse dal minim necessari; inp¨ ghĺera Ólter laurÓ pressant da fÓ, come ul sumenÓ ul maragun.

Ul furment l'era stÓ sumenÓ nella segunda metÓ d'utubar, sapÓ a marz e arivÓ S.Pedar e Paul alla fin de giugn sa preparava mus¨r e musurýtt e s'andava al camp a segÓ.

Sempar curv se taiava i spigh, e sa mettevan in mugýtt, che restavan a secÓ per erra fino al dopumesdý.

Vers sira sa cominciava a legÓ i coeuv (covoni) e a i capalin maragneou o cÓpp, par evitÓ che un quai tempural imprevist al bagnass ul furment.

Fini da segÓ, dopu che ul furment al s'era ben secÓ, al sa purtava a cÓ cunt ul cÓrr, sa faseva la cÓpa in curt par la trebbiatura. Ul dý dalla trebbiatura la curt la sa trasformava in un grand cantier. Arrivava la trebbia e l'imbalatris trainÓ dal tratur; ul prim grand dafÓ di oman, lĺera quel da mett la trebbia in mess ai capp in modo da minga fÓ fadiga a butÓ i coeuv.

Quand tutt l'era prunt e tucc eran ai s˛ post de combattiment sa faseva partý la cinghia che trasmetteva ul muviment a tutta la trebbýa. Par pudŔ trebbiÓ ghe vureva tanti personn; d˛ o tre sulla cÓpa cont la furca a passÓ i coeuv sul ripian dalla trebbia, ndue un fieou al taiava la ligadura, un fieou a rastelÓ e insacÓ la pula, d¨ a preparÓ i ferr par i bÓll da paia, infilai, legai, tirÓ via i bali da paia giÓ fÓ dalla pressa e d¨ oman a purtai in cassina. Un para da personn robust eran visin ai cundott ndue vegniva gi˛ ul furment par travasÓ la misura (ca l'era un cilindar da ferr che al conteneva circa 65 Kg) in di sacc, e che purtavan a turni in surŔe.

Nessun pudeva fermass nanca un attim da fÓ ul so laurÓ, parchŔ la macchina la continuava senza remissiun e la sa fermava dumÓ quand la sa rumpeva o par mangiÓ.

Sota al s¨ e l'afa da lui sa sudava tant che s'impiastrava tutt da tŔra e da reschieou. Quand tutt ul furment l'era stÓ bat¨, i oman che avevan partecipÓ al laurÓ sa truavan in cusina atturna al taul a rifucilass un p˛ cunt salam, panscetta e strachin inafiÓ cunt dal bun vin, par festeggiÓ la cunclusiun da tutt ul ciclo dalla segheria.

Incoeu tutt ul laurÓ dalla segheria le cambiÓ. Prima Ŕ vegn¨ la falciatris meccanica, che taiava ul furment senza ligÓ i coeuv dopu la taiaeliga e adess la mietitrebbia.

Quest l'era anca ul mument in cui tucc i famili purtavan al curat la decima in natura un stee o d¨ da furment in base ai so possibilitÓ.

LA RACCOLTA DI PATATI

I patati sa piantavan par Pasqua, sapÓ e raguisÓ a temp uppurtun, disinfetÓ cuntra la durifura, sa strepavan in agust-settembar.  I patati a differenza dal furment e maragun, vegnivan piantÓ a man. Par prim sa taiava i patati da sumenza in fŔtt in modo da lassÓ almen una gema a ogni fetta.

Finý quel sa purtavan al camp e s'incominciava ad arÓ, a ogni sulch passava vun cunt la cavagna a butÓ i fett da patati a ogni quaranta centimetrÝ, lĺalter a sistemÓ i fett avendo cura da mett la gemma in alt, un'alter a mett ul cuncim visin alla patata; dopo diche fasevan un'alter sulch in modo da cuprý ul laurÓ fa e incuminciÓ da cÓpp.

La raccolta di patati cume se dý prima l'incominciava in agust e la finiva in settembar parchŔ oltre vess un'uperasiun lunga, la vegniva intervalÓ a di alter laurÓ.

I fieou vutavan i grand a scerný i patati, i gross dai piccul e  da quei ruinÓ dalla sapa o marce, e a insacai.

Truavan comunque ul modo da divertiss, riunivan i piant secch di patati i cosiddetti sgavisc e fasevan di grand fal˛ e in quei cusevan i patati da scart e una quai loeuva da maragun av¨ cume premi par l'aiut dÓ.

LA RACCOLTA DAL MARAGUN

A fin settembar nel camp marua ul maragun, ul prudott pusse impurtant in passa par l'alimentasiun dalla famiglia.

Ul maragun al sa sumenava alla fin d'april, al sa sapava e srariva appena cal spuntava e quand l'era alt 40-50 centimetri al sa ragulzava. Prima da marua a sa taiava i maragascieou, ca l'era la part alta dalla pianta e sa 'erava la pianta stessa sia par fal maruÓ pusse prest, sia parchŔ la foeuia e i maragascioeu ghe sa davan ai besti da mangia.

La raccolta dal maragun la sa faseva in di giurnÓ s¨cc, quand tutta la pianta l'era sŔca. Slandava al camp cunt i cavagn, sa cuminciava a stacca i leouv e, a man man che i cavagn sa impienivan, sa svuýavan ai bord dal camp e sui cavadagn in mucc.

Finý la raccolta, l'omm andava a cÓ a teu ul cÓrr cunt munta i cassuni e sa caregava ul maragun che vegniva purtÓ cÓ e scaricÓ sotta al portich. A sera, e par tanti sŔr, dopu cena, sa sfuiava i leouv, sa liberava la pannocchia dal frascoun, ul laurÓ l'era no tropp fadigus; sa settavan gi˛ sul mucc de maragun e una loeuva alla voeulta la sfuiavan cunt l'aiut dal puntireu.  Finý de sfuiÓ e insacÓ i leouv, slandava in curt dalla cooperativa ndue de solit ghlera piassÓ la macchina par sgranÓl.  Solitament prima de portal in surŔe ghe vureva slargal gi˛ su lĺŔra da sass par fal secÓ ben par minga fagh ciapÓ la muffa.  Cal laurÓ chi al vareva anca par ul maragunin.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
LaurÓ
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dý
Medisin, Credens Medich e vestý
I mestŔ
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'Ŕ la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
QualitÓ Aria Settembre
QualitÓ Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali