!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'č Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennitā
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietā con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalitā
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltā
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

La famiglia che par la sua capacitā lavurativa,la s'era insediā in un fund cunsistent,sōo oppur in affittala frantumava no la sua unitā quand i fieou sa spousavan,purtavan in cā i miče e sa furmava quela ca sa diss "LA FAMIGLIA PATRIARCAL”.

La vita ca sa conduceva l'era quella da semper,ma ul cunviv pacific de tanti person,che dumā i legam dal sang e la semplicitā de la vita dal passāa rendevan pussibii,gh’avevan bisogn da vess regulā da precis regul.

Al vertice dalla piccula comunitā gh’era ul capofamiglia,vero patriarca espert e autorevul,depusitari e garante dalla saggessa che la gha veniva dalla tradissiun,respunsabil dall'andament de tutta la cā,dal so prugress e di so cunquist,che cunsistevan quasi sempar in terren o attress par laurā;sota de lúu stavan i fieou e i noeur,che l'era l'ussadura dalla famiglia nel laurā di camp e de cāa; pusse bāss gh’era i neud.

Tutt: cā,mangiā,laurā,1’era in cumun.Al capofamiglia spettava tutt i decisiun, eran soo ul dirittu de tegnė e amministrā i danče,mentre i fieou e i noeur dispunevan quasi dumā l'intimitā dalla propria stanza.

Quand sa mangiava in cusina, ul taul l'era riservā ai oman che mangiavan tucc insema. I donn mangiavan spess cul piatt in mān in un quai angul dalla cusina insema ai fieou.

Giungeva ul mument che anca i neud se duevan spousā, se la famiglia la riessiva a prouedč cul taccag un quai lucal ai giā esistend bona sennō se spustava un quaivun.

Nel caso de mort del patriarcali fieou decidevan de restā insema, l'autoritā che l'era dal pā la passava de dirittu al fradell magiur.  Cul cumplicass dalla vita e di so necessitā la famiglia patriarcal la se fada prima rara par peou scumparė quasi dal tutt in di últim ann.

PRUVERBI SULLA FAMIGLIA

  • Quand manca ul timun, sa perd la diresiun.
  • Ogni cā la gha ul so fardell.
  • Un pā al mantegn cent fieou, ma cent fieou mantegnan no un pā.
  • Amur de fradei, amur de curtei.
  • A v’ott ann semm fieou, a ottanta semm ancamō quei.
  • Usel de gabbia, se al canta nō par amur al canta par rabbia.
  • Tre donn in cā a stan ben: v’una viva, v'una morta e v’una puturā sulla porta.
  • Fā tasč i donn, fa sta fermu i fieou e fa curr i vecc, in tre robb che nessun le bun de fā.

Par finė ul discurs dalla famiglia patriarcal, ritegli oppurtun numinā gl’attress del fucular che a le ul simbul della famiglia.

+ La cadena del camin, fada da anei dalla lunghessa da du metar cunt all'estremitā du rampitt v’un da ganciā alla mensula dal camin, l’alter par i padei e parieou.

+ Ul buffett, al sa usava par ravivā ul feoug e al consisteva in un tubu da ferr lung un metar cunt in fund du baffi par minga fa stupā ul buss dalla scendra.

+ Ul tripee che al serviva par pugiā ipadei e padelitt par fa scaldā sul feoug dal camin.

+ La moeuia l'č un accessori indispensabil dal camin e la serviss par spustā labrasa sotta la padela o par riempė la scaldina.

+ Ul barnasc anca lu indispensabil par pudč tirā via la scendra dal camin.

Ul sugurin l'era sempar lė visin al camin par spacca i legn specialment quand sa dueva accendal.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurā
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dė
Medisin, Credens Medich e vestė
I mestč
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'č la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualitā Aria Settembre
Qualitā Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali