!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'è Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennità
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietà con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalità
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltà
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

Qui come altrove sono state introdotte delle piante esotiche che per quanto belle e ornamentali, finiscono per danneggiare l'ecosistema.

Purtroppo giova ricordare che soprattutto negli ultimi 30 anni la silvicoltura ha attinto molto dalle piante esotiche e questo per avere legno più in fretta; solo oggi, in tempi di emergenza ambientale, si sta cambiando rotta, seppur lentamente e faticosamente ed anche gli organi competenti stanno cominciando ad incoraggiare l'uso di essenze autoctone.

Il primo albero esotico (ad eccezione dei Gelso bianco che però venne usato solo per coltivazioni quindi all' esterno dei boschi) a venire introdotto fu la Robinia pseudoacacia, che qui giunse verso la fine dei 1800.

E' questo un albero che viene continuamente da più parti criticato ed esaltato: criticato per la sua invadenza, per l'esuberanza dei polloni radicali che finiscono per scoraggiare altre forme vegetazionali vicine (ma ben peggio si comporta il Prunus serotina).

Esaltato invece perché negli ultimi decenni ha contribuito al rafforzamento dei bosco ceduo, e ciò è innegabile.  Succede però che essa occupa gli spazi tra le querce autoctone e quando queste ultime divengono mature vengono tagliate senza che sotto di esse sia cresciuta alcuna quercetta che le sostituisca.

Questo perché la Robinia ha impedito là germinazione delle ghiande e così pian piano le querce spariscono e il bosco si impoverisce ecologicamente ed economicamente.

Dobbiamo citare la presenza di vetusti esemplari di platano (Platanus acerifolia), della quercia rossa canadese (Quercus rubra), dei liriodendro (Liriodendron tulipifera), dei pino strobo (Pinus strobus), in passato spesso piantato, dei Pinus excelsa, dei noce nero (Jugians nigra), pianta che potrebbe benissimo venir coltivata fuori dal bosco per il pregevole legname, dei larice dei Giappone (Larix leptolepis) e dei già citato pioppo eurocanadese.

Queste sono tutte piante esotiche a rapido accrescimento introdotte; si sta osservando un certo cambiamento in quanto il Pino strobo viene tolto in luogo di latifoglie tra le quali l'acero di monte (Acer pseudoplatanus) che e'una pianta autoctona.

In passato veniva coltivato pure il larice europeo(Larix decidua) dei quale si rinvengono alcuni annosi esemplari.

Sarebbe meglio che venissero introdotte solo essenze indigene provenienti da semi raccolti in boschi padani; solo così e' possibile conservare il patrimonio genetico e preservare l'ecosistema dalla principali fisiopatie; importante pure la reintroduzione dei cerro, per motivi ecologici e storici (e' di crescita rapida) in luogo della Quercia rossa canadese (il cui legname, tra l'altro, non è paragonabile a quello della Farnia e della Rovere).

Per piante esotiche remunerative come il noce nero, la stessa quercia rossa,ecc. potrebbero venir usate aree esterne, magari riconvertendo alcune aree agricole (e' una tendenza agevolata dai finanziamenti dei set aside e si sta già osservando in altre zone), ad esempio quella vicina al ponte sul Bozzente, dopo la cascina Maestroni, dalla parte opposta della strada; qui sarebbe utile prevenzione rinforzare l'argine e l'esiguo filare di robinie vicino al greto (il torrente Bozzente proprio qui straripò nel 1976).

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurà
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dì
Medisin, Credens Medich e vestì
I mestè
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'è la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualità Aria Settembre
Qualità Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali