!!-!! Sono Aperti nuovi servizi: Orari Autobus per Saronno e Rho, Stradario Completo di Origgio, Lista Associazioni Origgesi con indirizzi

 


Home Page
Dov'è Origgio
Il Gonfalone

Stradario


La storia del Paese
dagli albori al 1110
dal 1110 al 1497
dal 1497 al 1985
dal 1895 ad oggi


La Madonnina del Bosco
L'Antica Cappella
La Miracolosa Madonna
L'Annunciazione
La Solennità
Provvidenziale Giumento
Il Nuovo Santuario
Pellegrinaggi


Chiesetta di San Giorgio
Dalle Origini al 1700
Il San Giorgio Attuale
Foto Interne


La Chiesa Parrocchiale
Le Prime Notizie
Visita Pastorale del 1570
La chiesa nel Seicento
Il primo Settecento
Il secondo Settecento
L'Ottocento
dal 1910 ad Oggi
I dipinti:
Pietà con dondatore
S.Carlo adora la Croce
La visione di S.Antonio
La statua Dorata
Foto Interne


Castello Borromeo


Torre ai Caduti


Villa Borletti
Articolo Informazona


TorreSchiapparelli


Il Bosco di Origgio
Generalità
Fitogenesi Originaria e Note Storiche
Vegetazione Arborea Autoctona
Altri Arbusti ed Erbe
Essenze Introdotte
Funghi
Fauna: Mammiferi e Rettili
Fauna: Volatili e Farfalle
Alberi di particolare interesse o pregio
Problemi
Riassunto sul Bosco:
Natura e Storia 1
Natura e Storia 2
Natura e Storia 3


Piantina dei Monumenti
Links su Origgio
Ringraziamenti


Gallerie Fotografiche:
I Monumenti
La Civiltà
I Paesaggi


Contattatemi anche per il minimo dubbio o chiarimento!

 

Nel 1110 Enrico II dichiarava legittimo il diritto di esigere il foraggio “Forum de castellis ipsius Abbatiae de Oleoducto. Anno Domini 1110, 12 Octobris”.

Così pure con decreto del 1148 l’Arcivescovo Uberto riconfermava agli stessi Abati Ambrosiani Oleoductum con due Cappelle, cioè la Chiesa di S. Siro e di S. Maria colle servitù e colle decime.

La Chiesa di S. Maria si conservò fino alla fine del secolo decimosettimo, quando venne distrutta per lasciare posto all’attuale Parrocchiale costruita dal Duca Renato col concorso del popolo, quando Origgio contava circa 650 abitanti. La chiesa di S. Siro, non era che la Chiesa di S. Eustorgio, passata in proprietà Borromeo e ridotta ora a casa colonica.

Il Professore Berlam, sulla scorta del Giulini- dice testualmente:

“ I documenti del 1228 provano che gli abitanti di quel Villaggio non dipendevano più dall’Abate Ambrosiano, ma venivano retti e tutelati da speciali statuti. I primi Statuti di Origgio sono appunto del 1228….I quali sono importanti alla Storia civile Italiana e per la loro vetustà e perché spargono viva luce sulle condizioni migliori che si andavano facendo in diversi centri di popolazioni di fronte ai loro Signori.

Quanto alla antichità, ben pochi Comuni possono mostrare uno studio che risalga a tempo più lontano: la stessa Milano non ha un corpo di Statuti propri, civili e criminali anteriori al secolo XIV. Par proprio fatale che le memorie del passato si conservano negli oscuri luoghi più che in quelli ove abbondò una luce continua di fatti nuovi. Questi Statuti di Origgio contribuiscono poi a togliere di mezzo certe questioni che si sono, non è gran tempo, sollevate sull’indole e qualità proprie di quelli che noi chiamiamo statuti municipali “ (omissis).

Fin qui il Prof. Berlam.

Da un documento del 23 luglio 1248 risulta che il Padre Abate di S.Ambrogio diede per Podestà alla sua terra di Origgio, Gaspare Visconti, la cui famiglia era tanto nobile.

Non è però a credere che ad Origgio mancassero persone atte a coprire tale carica.

Si sa che nel 1388 tra i 900 Consiglieri di Milano si trovano annotati un Pietro ed un Giacomo da Udrigio ( Origgio ).

Il governo dell’Abate ad Origgio, venne esercitato da un Vicario e da un Podestà. Il Vicario fu un Monaco, fino agli Abati Commendatari, poi un Prete secolare. La Commenda dell’Abazia cominciò nel 1440 e durò fino al 1497.

 

 

 


Il vecchio Uricc
Il Paese delle Oche
Cosa di Mangiava
Mercato, Bachi da Seta
Cosa facevano i Ragazzi
Il Bosco
I giochi
Le Pratiche Religiose
Natale ed il Mese Mariano
Vita Militare
Altri Ricordi
Signor Arturo:
Gli Ambulanti
I giochi
Alimentazione
Vita Sociale
Considerazioni


Uricc in Dialett
Gravidansa e Nascita
Cuscritt e Vita Milidar
Fidanzament e Nozze
La famiglia Patriarcal
Laurà
Stagiun e loro ritmo
Vita dell'ann
Segheria, Patati e Maragun
I Mort
La Stalla
Ul viv da tutt i Dì
Medisin, Credens Medich e vestì
I mestè
Ul Paesagg
Scheura e Gioeuc
Proverbi:
Pagina Prima
Pagina Seconda
Pagina Terza
Pagina Quarta
Pagina Quinta


Memorie di G.Ceriani
Com'era Origgio
Le Strade
Le Campagne
I Cassinot e i Strasce
Le Feste Religiose
I Cortili
Cognomi e Soprannomi


Storia del Bozzente
Detto Cislaghese
Introduzione
Parte Storica, I tre Torrenti
Il contratto Borromeo del 1603
Cavo Borromeo
Le difese dei Paesi
La Grande Piena del 1756
Le conseguenze della Piena
Il Piano di Separazione
I tre Torrenti
I Lavori
Situazione Attuale
Brano in Dialetto
Traduzione


Il Centro di Compostaggio
Centro Storico
Bosco a Rischio:
Cos'è la Zona F
La lettera del Sindaco
Lettera del 22-02-2002
Lettera 30-05-2002
Considerazioni
Cons.Comun 05-07-02
Cons.Comun 06-12-02
Esondazione 04-05-2002
Qualità Aria Settembre
Qualità Aria Dicembre
Proporzioni Zona Boschiva
Ecologia ai Tempi di Orazio
Nuovi Sviluppi su: www.adboriggio.org


Oratio Autobus
Stradario
Orario Treni FNM
Associazioni Origgesi
Sindaco e Giunta
Consiglieri Comunali
Orari Uffici comunali