Faverzani Alfredo

Mha, cosa dire di lui? Innanzitutto il suo nome evoca i me tantissimi ricordi, vediamo di raccontarvene alcuni.
La prima volta che l'ho visto ero tutto entusiasta, era stato professore di mio fratello, e la sua fama era giunta sino a me. Era la prima superiore, mi insegnava latino. Poche ore la settimana, ma abbastanza per lui. E' un mostro a tradurre dal latino all'italiano, e volendo anche direttamente in dialetto. 
A tutti era simpatico ma purtroppo la materia era veramente brutta!
Bhe io me la cavicchiavo, o prendevo 4 o magari 6, ma non di più. Insomma andavo proprio male. Ricordo una versione, la prima della seconda superiore, dopo un'intera estate a ripetizione, e trovo come compito una versione già fatta. E bhe, è chiaro che l'ho fatta tutta giusta. Invece no, ho preso 7+ anziché 8 perché "Tu non puoi farla tutta giusta, é un' insulto al latino, e poi quella parola lì è giusta ma a me non piace" Era la sua giustificazione al fatto di avermi tolto tre quarti di punto.
Ed il tempo passa.....
Io e i miei compagni non eravamo ancore pronti a quello che sarebbe successo l’anno venturo. 
Nel  settembre del 1996 ci fu annunciato il nome dell’insegnante di italiano e latino: Faverzani Alfredo !!
Noooooooooooooooooooooooooooooooo!
E così per tre lunghi,  lunghissimi, stressanti ma soprattutto interminabili anni ho vissuto in timore di una interrogazione o di un compito di latino.
E' chiaro che i mie voti vaiavano ancora dla 4 al 6!
Tuttavia mi sono molto divertito. 
Mentre lui spiegava io dormivo ( dovreste sentirlo parlare !!) o magari facevo finta di prendere appunti......in realtà facevo i compiti delle altre materie
e sono convinto che mentre venivo interrogato lui era perso nei suoi pensieri perché tanto il voto lo aveva già deciso. Soprattutto perché a volte dicevo delle stupidate pazzesche e magari non si accorgeva.  L'ultimo anno invece stava attento a tutte le mie interrogazione perché per lui erano comiche.
Ricordo il suo frasario:
“ Smettetela!”
“State zitti!”
“ State attenti!”
“ Dai metti via senò te lo straccio!”
“ Ma ti sembra il modo di essere seduto, non siamo mica al bar !” “Lorenzo, stai facendo altro, mettilo via !”
oppure come ricorda andrea, altre frasi del genere:
<<Smettetela, chi non è interessato può alzarsi e uscire>>. Mezza classe si alza ed esce!!
<<Zitto se no ti spezzo i legamenti>>
<<Zitto se no ti lancio i sassi>>
Ricordo come fosse ieri un dialogo tra lui e corrado:

“ Corrado smettila perché se dopo ti interrogo e tu mi sai rispondere in modo chiaro ed esauriente ti do 1- ”
“ Prof e se sbaglio tutto mi dà otto ?”
“ Ma smettila !, se proprio vuoi ti interrogo ora”

Nonostante tutto è un professore molto valido 
e sono fiero di averlo avuto per ben 5 anni. 
Era il più simpatico con tutti noi, nonostante facesse favoritismi in maniera plateale, ma forse era meglio così.
Alle versioni tutti copiavamo, e lui se ne accorgeva, ma faceva finta di niente. 
Tifosissimo dell' inter, e appassionato di pallavolo per colpa del cognato. Merita veramente la lettura del suo libro " La pallavolo.  Storia tecnica, preparazione altletica, alimentazione e altre notizie di giocatori, allenatori, dirigenti e appassionati." edito da Elika.
Ora anche un libro "beachvolley" edito sempre da Elika.
 

A lui si rivolge il mio più grande saluto!