barzellette su ingegneri

Tre ingegneri della Apple e tre ingegneri della Microsoft si incontrano
alla stazione mentre stanno per recarsi ad un importante avvenimento
informatico.
Gli ingegneri Microsoft comprano un biglietto ciascuno e, con grande
sorpresa, notano che gli ingegneri Apple comprano un solo biglietto in
tre.
Stupiti, chiedono spiegazione ai colleghi che si mettono a ridere e
dicono: "Vedrete...". Durante il viaggio, il controllore entra nella
carrozza e, immediatamente, i tre ingegneri Apple vanno verso la
toilette e
vi si chiudono dentro. Gli ingegneri Microsoft osservano stupefatti la
manovra poi, dopo essersi fatti controllare i biglietti, vedono il
controllore bussare alla porta della toilette annunciando: "Biglietti,
prego!". Una voce dall'interno risponde: "Ecco!" e un biglietto passa
sotto
la porta. Il controllore verifica il biglietto e poi se ne va. Gli
ingegneri
Microsoft sono molto impressionati dalla tecnica dei colleghi Apple. Gli
stessi sei ingegneri si incontrano alla stazione alla partenza del
viaggio
di ritorno.
Gli ingegneri Apple comprano un biglietto, mentre quelli Microsoft non
ne
comprano nessuno. Gli ingegneri Apple fanno notare la cosa, ma gli
ingegneri Microsoft si mettono a ridere e dicono: "Vedrete...". Durante
il
viaggio, il controllore entra nella carrozza e, immediatamente, gli
ingegneri Apple si dirigono verso la toilette e vi si chiudono dentro.
Gli
ingegneri Microsoft meno pronti a reagire si incamminano lentamente.
Appena
gli ingegneri Apple sono chiusi dentro, uno degli ingegneri Microsoft
bussa
alla porta della toilette e dice: "Biglietti, prego!", recupera il
biglietto
degli ingegneri Apple e corre a chiudersi nella toilette con i suoi due
altri compari...

La morale ? la Microsoft non si limita a copiare le idee degli altri, ma
le "migliora"...

Due studenti in ingegneria passeggiano per l'università quando
uno dei due dice all'altro, ammirato : "Dove hai trovato quella bici?"
Il secondo gli risponde "In realtà, mentre passeggiavo, ieri,ed ero
assorto nei miei pensieri, ho incontrato una bellissima ragazza in
bici che si ferma davanti a me, posa la bici in terra, si spoglia
completamente e mi dice :"Prendi quello che vuoi.-" Il primo annuisce e gli 
dice : "Hai fatto bene, i vestiti sarebbero stati sicuramente troppo stretti."

Per una persona ottimista, il bicchiere e' pieno a metà.
Per una persona pessimista, e' vuoto a metà. Per l'ingegnere, e'
due volte più grande del necessario.

Un ingegnere attraversava la via quando una rana lo chiamò e
gli disse : "Se tu mi baci, io mi trasformerò in una magnifica principessa."
Lui si abbassò, raccolse la rana e la mise in tasca.
La rana gli disse allora :"Se tu mi baci, io mi trasformerò in 
una magnifica principessa e resterò così per una settimana."
L'ingegnere tirò fuori la rana dalla tasca, le fece un sorriso e 
la rimise in tasca. La rana si mise allora a gridare : "Se tu mi 
baci, io mi trasformerò in una magnifica principessa, resterò così per una
settimana e farò TUTTO quello che vuoi." Ancora una volta,
l'ingegnere tirò fuori la rana dalla tasca, le fece un sorriso e la rimise 
in tasca. La rana allora gli chiese: "Che cosa c'e'? Ti dico che sono una
magnifica principessa, che resterò così per una settimana e che farò 
tutto quello che vuoi! Allora perché tu non mi baci?" L'ingegnere rispose:
"Guardami, io sono un ingegnere. Non ho tempo per avere una relazione. Al
contrario, una rana che parla, e' una figata."

Tre ingegneri discutono sulla natura del corpo umano. Uno di
loro dice: "E' ovvio che chi l'ha fatto era un ingegnere meccanico, con 
tutte quelle articolazioni, le ossa di sostegno..."
"No, no - dice il secondo - lo ha fatto sicuramente un ingegnere
elettronico; guardate le connessioni nervose, il sistema cerebrale..."
"No, nessuno dei due - dice il terzo, - =E' stato un ingegnere
civile; solo loro possono mettere una discarica tossica vicino ad un'area
ricreativa"

Per una ricerca scientifica si chiudono un ingegnere, un fisico ed
un matematico in tre stanze chiuse a chiave dall'esterno, lasciando a
disposizione dei malcapitati solo carta e penna, e si dice loro di
trovare la maniera di uscire di li'. L'ingegnere misura le dimensioni 
della porta, trova il punto debole e riesce a sfondarla, uscendo praticamente
subito. Il fisico studia con attenzione la porta e dopo molti calcoli 
trova il carico di rottura del materiale di cui e' composta la porta e 
riesce a sfondarla. Il matematico però non esce. Allora gli scienziati
decidono di aspettare ancora; dopo alcuni giorni, decidono di aprire loro la
porta, convinti che il matematico sia ormai morto. Quando aprono trovano 
il matematico, morto, al centro della stanza,in un mare di fogli. Ne
prendono uno e vi leggono: Supponiamo per assurdo che la porta sia 
aperta..."

Un ricco signore appassionato di cavalli decide di chiedere ad un ing. un
matematico e ad un fisico un algoritmo per vincere alle corse.
L'ingegnere dopo lunghi calcoli dice "abbiamo valutato l'attrito dell'aria
contro i cavalli, tra cavalli e terreno, considerato la densità della
terra del maneggio, il diametro medio della ghiaia della pista, la potenza
sviluppata da ogni singolo cavallo in relazione al suo fantino ed abbiamo
trovato un metodo che ci permette di vincere con una precisione del 50%".
Il magnate dice che così è ancora troppo poco.
Il matematico dice "abbiamo valutato con metodi probabilistici e di
supercalcolo la funzione vittoria di ogni singolo cavallo. Trovatane la
convergenza la abbiamo interpolata con l'equivalente funzione dei cavalli
concorrenti arrivando a dichiarare una percentuale di vittoria del 65%".
"Ancora troppo poco" tuona il miliardario.
Il fisico, invece, senza mezze misure dichiara "Guardi, noi abbiamo
trovato un metodo sicuro al 100%!!", "davvero? e come avete fatto".
"bhe, sì abbiamo considerato i cavalli delle sfere..."