Analisi Matematica

Mai nome fu più azzeccato: non si contano gli aspiranti ingegneri che finiscono in anali­si dopo il 12' tentativo di passare l'esame.

E in effetti questo esame è uno dei più gros­si spartiacque del corso di laurea: 

chi riesce a passarlo solo al 10' tentativo perderà notti di sonno, perderà peso e per­derà i capelli. 

chi lo passa alla prima, in compenso, perderà gli amici: l'invidia è una gran brutta bestia. In entrambi i casi affrontare l'esame di Analisi 1 ha un che di epico, è un po' come una grande battaglia, ognuno ha la sua fetta di aneddoti più o meno grotteschi da raccontare. E, come le grandi battaglie, anche Analisi i ha i suoi eroi.

Pensate a Ciccio (non un gran nome per un ingegnere, ma tant'è ... ) che, dopo mesi di accu­rata preparazione, si presenta a dare l'esame, salutando gli amici al grido di

«ho studiato tutto. L’unica cosa che proprio non so, sono i due teoremi di Lagrange. Non ho capito niente».

... 15 minuti dopo

Professore: «Buongiorno».

Ciccio: «Buongiomo».

Professore: «Dunque.... cosa potrei chiederle... mi dimostri il teorema di Lagrange».

L’uomo comune inizierebbe a urlare, a bal­bettare patetiche scuse o a piagnucolare sul tono «le giuro che è l'unica cosa che non ho studia­to, mi faccia un'altra domanda, la prego ... ».

Ma Ciccio è un eroe e affronta la morte guardandola negli occhi:

«Quale? Il primo o il secondo? ».

«II primo».

A questo punto la platea è conquistata e segue la vicenda col fiato sospeso, sperando nel miracolo. Ciccio è già entrato nel mito e, se cedesse, lo capiremmo. Ma lui no. Prolunga l'a­gonia e lotta fino all'ultimo.

«Veramente il Primo non l'ho fatto».

«Non importa. Mi dimostri pure il secondo».

«Non ho fatto neppure il secondo. Vado? ».

«Vada».

Applausi e pacche sulle spalle.

Ciccio è anche il perfetto esempio di un'al­tra classe di laureandi: lo sfortunatissimo. Quello a cui chiederanno sempre l'unica parte che non ha studiato 0, se ha studiato tutto, quella che ha capito un po' meno o, se ha capi­to tutto, qualcosa che non è nel programma o che non è neppure ancora stato dimostrato.

Per questo, all'appello successivo, i Cicci combattivi si preparano sempre più meticolosa­mente, arrivando a telefonare ai pronipoti di Lagrange, per chiedere se per caso il loro trisa­volo non avesse un terzo teorema gelosamente custodito nel cassetto (la probabile risposta sarà: effettivamente sì, l'abbiamo venduto ieri a un professore di Ingegneria, ha detto che lo avrebbe usato per un esame ... )

Alla fine però, stanchi di lottare, i Cicci di tutte le sezioni di Ingegneria si piegheranno al destino, accetteranno qualunque voto pur di porre fine al calvario e si laureeranno con un'immeritatissima media del 22.