Pensieri

Dallo spazio sembra un’immagine astratta,

l’artificio di un’illusionista su un palcoscenico buio,

Da questa distanza nessuno può immaginare che custodisca la vita….

La quale apparve negli oceani quattro miliardi d’anni fa.

Sottoforma di organismo unicellulare

continuò ad evolversi indisturbata per milioni di anni,

esplodendo e moltiplicandosi nei primi organismi pluricellulari.

E ad un tratto venne fermata….

Quattrocentoquaranta milioni di anni fa una gigantesca estinzione di massa uccise gran parte delle specie che popolavano il pianeta,

lasciando pressoché vuoti gli sterminati oceani….

Lentamente comparvero le prime piante

seguite dagli insetti

ma la seconda grande estinzione li spazzò via….

Il ciclo si è implacabilmente ripetuto.

I rettili emersero trionfalmente dalle acque

e scomparvero nel nulla….

Poi fu la volta dei dinosauri,

dei primi volatili,

dei pesci e delle piante in fiore

decimati

o addirittura cancellati fra la quarta e la quinta grande estinzione.

L’homo sapiens è comparso sul pineta solo centomila anni fa

compiendo passi da gigante,

dai dipinti dei cavernicoli alla bibbia,

da Colombo all’Apollo 11.

Abbiamo dato prova di essere un esercito instancabile

sulla terra e nello spazio

sempre teso a catalogare i misteri della natura che ci circondano.

Oggi sei miliardi di individui che costituiscono la popolazione mondiale discendono tutti da quell’unica singola cellula….

Quella prima scintilla di vita….

Le nostre conoscenze attuali però

Non ci consentono di sapere con certezza cosa.…

o chi fece scattare quella scintilla.

dietro la nostra esistenza si nasconde un disegno preciso?

Uno scopo ben definito?

Saremo cancellati anche noi,

come le migliaia di specie che ci hanno preceduto?

da quella sesta grande estinzione che secondo gli scienziati si è già innescata….

O magari verremo a capo del mistero

tramite un segno….

Un simbolo….

Una rivelazione….

Tutto ebbe inizio con un atto di violenza assoluta,

un’enorme esplosione nota come Big Bang

che originò l’espansione cosmica di materia e gas….

Materia e gas.

Dieci miliardi di anni fa.

Chi partorì questa idea?

Chi fu così audace da metterla in pratica?

E per quale motivo?

Rientriamo anche noi in quel disegno tracciato dieci miliardi di anni fa?

Veniamo al mondo solo per morire?

Per moltiplicarci e rinverdire la vita sulla terra prima di lasciare spazio alle generazioni che abbiamo creato?

Se c’è un principio

Deve esserci per forza anche una fine?

Ardiamo sin dalla nascita come paglia al fuoco,

sapendo che un giorno ci spegneremo,

soccombendo all’eterna trasformazione degli elementi:

materia e gas.

Ma è davvero eterno questo ciclo?

La vita sulla terra è destinata a scomparire?

Trasformando il pianeta in un freddo deserto come le stelle?

Come il cosmo?

Quella mano che ha acceso la fiamma lascerà esaurire il combustibile?

Fino a farla soffocare?

L’estinzione totale sarà anche il nostro destino?

E se invece la vita che brucia dentro di noi ha le carte in regola per continuare ad ardere?

Chi è che lo decide?

Chi alimenta la fiamma?

Ma soprattutto può ridarle vigore anche se è diventata fredda e debole?